Eventi

Green Transition Hub: alla scoperta dei primi progetti


Eventi

Green Transition Hub: alla scoperta dei primi progetti


Ricerca, formazione e divulgazione: sono questi i 3 ambiti in cui si articola l’attività del Green Transition Hub della LIUC – Università Cattaneo presentato oggi, giovedi 7 luglio 2022.

Un ideale “taglio del nastro” per raccontare l’esperienza di questa nuova realtà interna all’Università, nata sulla scia di altre azioni intraprese negli ultimi anni per dare la dovuta attenzione ai temi “green”. Dall’adesione alla RUS (Rete delle Università Sostenibili) alla creazione di un percorso trasversale sulla Sostenibilità all’interno del corso di laurea in Ingegneria, fino all’attivazione di assegni di ricerca sull’economia circolare.

“Uno spazio di lavoro collaborativo, di sperimentazione, di brainstorming, e di creazione di valore anche a livello internazionale – lo ha definito Alessandro Creazza, Direttore del Green Transition HubDue i target: da un lato gli studenti, dall’altro le imprese. Tra i principali temi di studio: innovazione sostenibile e modelli di business, processi industriali sostenibili e misurazione delle prestazioni di sostenibilità, supply chain sostenibili e circolari, reverse logistic, end of waste, simbiosi industriale”.

In attesa di inaugurare la sede fisica dell’hub a inizio 2023 (sarà ubicata all’interno della cittadella degli hub, uno spazio in via di definizione dedicato ai progetti speciali dell’ateneo), il Green Transition Hub è già attivo.

La presentazione è stata anche l’occasione per conoscere nel dettaglio la squadra di docenti, ricercatori e dottorandi. Un team a cui si affianca un Advisory Board e una rete di partner.

Tra i progetti già in corso:

  • Survey on Green Logistics in Italy: un questionario rivolto alle aziende, per identificare le variabili che orientano le scelte sostenibili e il livello di adozione delle soluzioni di logistica green oggi disponibili. Deadline: ottobre 2022
  • Green Logistics Radar: uno strumento per raccogliere, catalogare, classificare e rappresentare pratiche e soluzioni innovative che riguardano la “logistica verde” secondo i quattro ambiti della logistica, ossia Imballaggi, Magazzini, Trasporti e Supply Chain. Una mappatura che ad oggi ha già portato all’individuazione di 102 soluzioni pratiche.
  • Green Logistics 360° Tour: un progetto che consiste nella realizzazione di un’unità dimostrativa presso il Green Logistics Expo di Padova dal 5 al 7 ottobre. Guardando al futuro, l’intenzione è quella di ricreare la stessa unità anche in LIUC.
  • Osservatorio Green Warehousing: studio delle caratteristiche che rendono un magazzino ambientalmente sostenibile attraverso il sistema di rating VA.LO.RE.
  • Circular Economy Monitor: un osservatorio periodico per le imprese che si propone di identificare le tematiche di priorità, ossia le pratiche manageriali, i driver e le barriere all’adozione dell’Economia Circolare e degli obiettivi di sostenibilità nei settori industriali più interessanti dal punto di vista dell’Economia Circolare e con la prospettiva delle piccole e medie imprese (PMI)
  • Green measurement toolkit: misura la sostenibilità e la circolarità di un’azienda, ma monitora anche i progressi nel tempo e sfrutta le informazioni fornite dalla misura per identificare le aree di miglioramento aziendali sulle quali agire
  • IPI & Sustainability: si pone l’obiettivo di studiare le performance sostenibili e circolari delle aziende e di alcune aree geografiche, in particolare mediante l’analisi dei brevetti e/o dei dati economico-finanziari. In questo modo, viene analizzato il livello di innovazione sostenibile e circolare delle aziende e dei territori italiani ai fini del raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 e del Green Deal Europeo.

L’evento è stato arricchito da una tavola rotonda che ha visto protagonisti diversi rappresentanti di aziende e associazioni: Pietro Evangelista (CNR-ISMed), Sabrina Colombo (CRS Laghi), Daniele Testi (SOS Logistica), Francesco Castellano (Tondo), Antonio Malvestio (Freight Leaders Council), Andrea Colzani (IKEA), Roberto Castiglioni (IKIGAI Capital), Michela Conterno (Lati). Con loro, Raffaella Manzini (Direttore della Scuola di Ingegneria Industriale della LIUC) e Sergio Luciano, Direttore di Economy.

Pubblicato il 7 Luglio 2022
Condividi su:
Interviste

Quale valore aggiunto può portare un HUB Universitario dedicato alla transizione ecologica?

Ne hanno parlato:

Andrea Colzani, IKEA

https://youtu.be/6ruIgfJvY-A

 

https://youtu.be/vNcDeXcLiOE

 

https://youtu.be/fDF7Hcu6imk

 

https://youtu.be/BZhRx93zAQQ
Informazioni utili
Piazza Soldini, 5 - Castellanza (VA)
Email: comunicazione@liuc.it |T. +39 0332 572111
ISCRIZIONI
QR Code
Follow us!
Newsletter
Vuoi rimanere aggiornato su eventi e news LIUC?

© UNIVERSITA' CARLO CATTANEO - LIUC | C.SO MATTEOTTI, 22 - 21053 CASTELLANZA (VA)
CODICE FISCALE E PARTITA IVA 02015300128