entra in LIUCMyLiucEnglish
Progetti

 

Durata: 2018 – 2020

 

Rilevanza del progetto

In un contesto caratterizzato da cambiamenti sociali, normative più stringenti e risorse che divengono sempre più scarse, una sfida importante per gli operatori del settore della Sanità è quella di portare nella propria realtà i benefici prospettati dalle ultime tendenze nel campo della tecnologia e generare così delle evidenze scientifiche che possano supportare la strutturazione di un percorso di presa di decisioni, al fine di governare al meglio il processo di scelta tecnologica.

Il progressivo invecchiamento della popolazione, unitamente a un aumento delle diagnosi di malattia in fase precoce, e a una maggiore diffusione di terapie innovative, hanno portato a un incremento della rilevanza del fenomeno della cronicità. Nella sola Regione Lombardia i cronici sono rappresentanti da circa 3,2 milioni di individui, corrispondenti al 31,8% degli assistiti, percentuale di popolazione in grado di assorbire fino al 79,6% della spesa sanitaria pubblica lombarda.

Tale significativo bisogno assistenziale e di cura, rende improcrastinabile una gestione dei pazienti cronici attraverso la ricerca di nuovi approcci, sempre più person-oriented, maggiormente focalizzati al malato in un’ottica di valutazione e gestione globale dei suoi problemi, e in grado di utilizzare in modo proattivo i benefici insiti nell’evoluzione tecnologica.

Il progetto di ricerca SIDERA^B nasce proprio con l’obiettivo di progettare, sviluppare e validare una piattaforma per la continuità di cura al domicilio supportata da tecnologie innovative per pazienti con patologie croniche di particolare rilevanza per il SSN/SSR, quali bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), Malattia di Parkinson e scompenso cardiaco cronico (CHF).

La piattaforma SIDERA^B sarà costituita da percorsi multi-dominio e multi-device interoperabili e scalabili, in grado di connettere, motivare e supportare nella cura paziente e caregiver, raggiungendo un livello ottimale di efficienza e di engagement rispetto all’obiettivo di cura, che sarà oggetto di misurazione e validazione anche economica, oggi del tutto assente, così da rappresentare un modello esportabile.

 

Obiettivi di progetto

Obiettivo primario del progetto di ricerca sarà la costruzione di una piattaforma context aware in cui dispositivi intelligenti (i.e., sistemi avanzati di tele-monitoraggio, sensori non indossabili, strumenti professionali perla video-chiamata con i clinici) agiranno per gestire in modo personalizzato la cura, il monitoraggio e l’engagement del paziente, garantendo elevati standard di sicurezza e gestione dei dati sensibili, nel rispetto delle normative vigenti (D.Lgs 196/2003 e del Regolamento UE n. 679 del 04.05.2016). Con la realizzazione della piattaforma saranno monitorati il sonno e l’attività motoria dei pazienti affetti da patologia cronica, nonché verranno garantiti non solo il supporto motivazionale al domicilio del paziente e del caregiver, ma anche la centralità della diade paziente/caregiver, soprattutto nella logica del passaggio dal “curare” al “prendersi cura”.

Obiettivo secondario del progetto sarà la verifica dell’accettabilità e sostenibilità dell’innovazione tecnologica, in paragone agli attuali schemi di riabilitazione, definendo costo-opportunità, benefici attesi ed efficacia, nonché impatti normativi, organizzativi e sociali, qualitativi e quantitativi per il sistema e il paziente, con il fine ultimo di proporre una tariffa di rimborso che possa essere adottata nel contesto regionale e nazionale.

Per il raggiungimento di questi obiettivi, il progetto SIDERA^B si avvale di un partenariato di elevato livello scientifico e tecnologico, costituito da VitalAir (capofila), Università Carlo Cattaneo – LIUC, Politecnico di Milano, Università degli Studi di Milano Bicocca, Amiko srl, Grifo Multimedia srl, Fondazione Don Carlo Gnocchi – Onlus e Tenacta Group spa.

L’ampiezza di intenti e l’elevata complessità del progetto SIDERA^B ha reso possibile un esteso endorsement territoriale (13 tra PA/ATS/ASST/Associazioni), che sicuramente condurrà a una migliore definizione del processo di continuità di cura, tenendo conto delle necessità e competenze degli attori coinvolti, nonché delle esperienze già maturate in tema di CREG e di modelli organizzativi di presa in carico delle cronicità, permettendo così di validare l’adattabilità dei nuovi percorsi da proporre a Regione Lombardia all’interno di differenti realtà territoriali lombarde.

 

Risultati attesi

L’adozione di una tale innovazione tecnologica in pratica clinica potrebbe permettere una riduzione significativa non solo della condizione di disabilità, ma anche dei ricoveri in regime di degenza ordinaria, nonché dell’attività ambulatoriale, in riferimento alla cura di BPCO, malattia di Parkinson e scompenso cardiaco cronico, con conseguenti vantaggi in termini organizzativi, economici e di qualità di vita.

La possibilità di definire aree di miglioramento del percorso e di copertura di nuove prestazioni per la popolazione, definisce l’esistenza non solo di una maggiore sostenibilità complessiva, ma anche della possibilità di generare maggiori esiti positivi di salute: qualsiasi intervento in grado di aumentare i benefici per la popolazione, oltre a essere un intervento sanitario preferibile, rappresenta anche un fattore positivo in grado di migliorare gli outcome per il sistema nel suo complesso.

Da questo punto di vista, tali risultati attesi appaiono essere pienamente coerenti con le indicazioni contenute nel Piano Nazionale della Cronicità (2016), che promuovono un’evoluzione verso la cosiddetta “Value Based Medicine”, vale a dire verso una medicina efficace, ma sostenibile sia in termini economici (in grado di conciliare l’aumento dei costi associato all’innovazione, con la necessità di garanzia delle cure) sia in termini di valori individuali e sociali (in grado di conciliare le linee guida EBM con gli effettivi bisogni/valori del paziente e della comunità in cui vive).

 

Partenariato

Vedi

 

Stakeholder

A fronte della necessità di un fattivo sviluppo del complesso progetto SIDERA^B, nonché per future possibili ulteriori sinergie e opportunità di collaborazione fruttuosa per la futura implementazione sul territorio lombardo, è stato richiesto un  endorsement da parte di stakeholder istituzionali e practitioner.

Nello specifico, all’inizio dell’anno 2019, sono state raccolte espressioni di interesse sul territorio di Regione Lombardia da parte di diverse Pubbliche Amministrazioni (di seguito PA) e Associazioni:

  • 21 Aziende Socio-Sanitarite Territoriali (ASST),
  • 4 Agenzie di Tutela della Salute (ATS),
  • 1 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS),
  • 1 Associazioni di pazienti/familiari.

Nell’ambito del riconoscimento di interesse manifestato, il partenariato di SIDERA^B ha richiesto, a ciascuno stakeholder, di formalizzare in modo esplicito il proprio livello di endorsement al progetto. Le PA e Associazioni potranno collaborare in diversi modi, focalizzandosi su una o più patologie di interesse.

Per quanto concerne l’ambito clinico, potranno, oltre al solo interesse a conoscere i risultati di progetto:

  • partecipare a focus group per raccogliere pareri condivisi con le altre PA che supportano il progetto, al fine di ottimizzare i percorsi di cura futuri (20 PA);
  • aderire alla sperimentazione condotta a cura di Fondazione Don Gnocchi (16 PA).

Per quanto concerne l’ambito gestionale, esse potranno:

  • partecipare alla mappatura di processi e percorsi riabilitativi (21 PA);
  • essere coinvolte nell’attività di validazione del modello di sostenibilità della piattaforma SIDERA^B (19 PA).

 

Materiali e Metodi

Vedi

 

Risultati

 

Disseminazione

convegno: Engagement e riabilitazione domiciliare nella cronicità: il progetto SIDERA^B
Venerdì 16 novembre 2018 ore 10.00, Grattacielo Pirelli, Milano

Incontri: Incontro di presentazione degli aspetti operativi di partecipazione attiva al progetto
8 Aprile 2019, LIUC Università Cattaneo, Castellanza
12 Aprile 2019, Fondazione Don Gnocchi, Milano

Incontri: SIDERA^B e aspetti gestionali: riabilitazione tradizionale, teleriabilitazione e mappatura economica dei processi, 10 Luglio 2019 (scarica il programma)

 

Area riservata

Area riservata

 

 

NEWS ricerca
Come percepisci il livello di competitività delle nostre aziende rispetto alle imprese operanti nel resto del mondo?
NEWS ricerca
È a firma di Antonio Caggia (ricercatore della LIUC) insieme ad Andrea Piredda, l’articolo uscito su “Banca,
NEWS ricerca
Quale sarà l’impatto socio – economico del reattore sperimentale a fusione realizzato nell’ambito del progetto
NEWS ricerca
Il dott. Giorgio Beretta, Dottore di Ricerca in Discipline Manageriali, Finanziarie e Giuridiche per la Gestione
© UNIVERSITA' CARLO CATTANEO - LIUC | C.SO MATTEOTTI, 22 - 21053 CASTELLANZA (VA) CODICE FISCALE E PARTITA IVA 02015300128
CREDITS