entra in LIUCMyLiucEnglish
Le contraddizioni del Marketing nel nuovo libro della collana LIUC

Le contraddizioni del Marketing nel nuovo libro della collana LIUC

Il Marketing può rappresentare uno straordinario strumento di sviluppo economico e sociale: per questo, la Società Italiana di Marketing (SIM) gli ha dedicato un Manifesto, che è stato presentato nel corso della XVII edizione della Conferenza Annuale SIM tenutasi nel mese di ottobre 2020 alla LIUC.

Un evento ricco di stimoli da cui è nato un volume, “Il marketing per una società migliore”, ultima uscita della collana Università Cattaneo Libri di Guerini Next, a cura di Angelo Di Gregorio, Chiara Mauri e Riccardo Resciniti.

Un Manifesto che si snoda attraverso alcuni punti chiave. Anzitutto, il Marketing crea valore per le persone, le istituzioni, le imprese ed è un corpo integrato di conoscenze. Non è invece, certamente, una scorciatoia o peggio un sotterfugio. Ha fondamento teorico, corpo metodologico e rilevanza pratica. Costruisce fiducia, è un fattore di crescita, è potenziato dall’innovazione tecnologica e genera futuro sostenibile.

Il libro parte da alcune riflessioni sul ruolo attuale del marketing: “Gli accademici di marketing – scrive Chiara Mauri – si sono progressivamente sganciati dalla realtà delle imprese, perché l’imperativo del “publish or perish” ha portato il marketing verso una sofisticazione tale che il suo linguaggio è diventato inaccessibile. Contemporaneamente, il ruolo dei practitioner nella produzione di conoscenza si è ridimensionato e sono rimasti solo accademici. Inoltre, il marketing è troppo incentrato sulle imprese e non è attento alle grandi questioni sociali”.

Sempre più evidente una contraddizione, ben stigmatizzata nel volume: “Il paradosso del marketing è che, sin dalla nascita, sconta le ripercussioni del suo successo. Man mano che si sono affinate le sue technicalities per comprendere e soddisfare le esigenze dei clienti, è stato inesorabilmente avvolto in una spirale: da un lato, sempre più utilizzato delle imprese (e non solo) per incrementare i profitti; dall’altro, oggetto di critiche volte ad evidenziare la forza persuasiva se non manipolatoria nei confronti degli acquirenti (dei target)”.

Un capitolo del libro è dedicato poi ad una survey realizzata tra marzo e giugno 2020, su un campione di 1.530 imprenditori. 5 i profili identificati rispetto alla percezione del marketing: disincantati, minimalisti, rivendicatori, equilibrati, pasdaran.

Viene presentata anche un’altra indagine, che si basa sull’analisi di 19.998 tweet italiani contenenti la parola marketing, attraverso un modello di machine learning. Il 60% dei tweet risulta di carattere neutro, i restanti si dividono equamente tra positivi e negativi.

Infine, il volume include alcune riflessioni emerse nella sessione Meet the editors della SIM Conference, dedicata ad un confronto tra gli editor delle principali testate di settore, e un interessante caso aziendale, quello di Mazzucchelli 1849.

Condividi su:
NEWS eventi
“Se cambia l’economia reale, deve cambiare anche la finanza”: la pensa così Anna Gervasoni, Professore
NEWS eventi
Glocalnews è un appuntamento di riferimento per giornalisti e comunicatori, quattro giorni dedicati al giornalismo
NEWS eventi
Una mobilità più “ecologica” e sostenibile è una delle grandi sfide del nostro tempo, come evidenziato dalla
NEWS eventi
Giovedì 21 ottobre 2021, dalle 14.00 alle 16.00   Quali sono oggi i rischi e i pericoli da evitare e le soluzioni
NEWS eventi
A partire dal 20 ottobre 2021   La LIUC apre le porte del suo laboratorio i-FAB, la fabbrica modello Lean e
NEWS ricerca
Di recente, la crescente consapevolezza del ruolo delle imprese ne ha aumentato la responsabilità verso la società in
NEWS ricerca
Cresce l’internazionalizzazione della comunità LIUC nell’ambito della Ricerca e del Dottorato con legami
NEWS ricerca
La rapida reazione delle aziende al Covid-19 è stata fondamentale per rispondere ai nuovi bisogni sociali che sono
NEWS ricerca
Da marzo 2020 il lavoro virtuale è diventato la norma per la maggior parte delle organizzazioni. Tuttavia sappiamo