entra in LIUCMyLiucEnglish
Made in Italy, il professor Alberti delegato al piano strategico nazionale

Made in Italy, il professor Alberti delegato al piano strategico nazionale

Martedì 12 dicembre 2017 si è insediato il Consiglio di amministrazione del nuovo Cluster nazionale del Made in Italy che riunisce al suo interno le associazioni Confindustriali nazionali della moda, della pelletteria e degli accessori, del calzaturiero, del legno-arredo design e dell’occhialeria, le associazioni nazionali artigiane, undici centri di ricerca nazionali e sedici università. La LIUC è socio fondatore del Cluster. Il Professor Fernando G. Alberti, direttore del Centro sull’Imprenditorialità e la Competitività della LIUC Business School, nominato nel Consiglio di amministrazione del Cluster, è stato dallo stesso delegato alla definizione del piano strategico triennale a livello nazionale per tutto il Made in Italy, coordinando un gruppo di lavoro tra alcuni consiglieri, accademici, stakeholders istituzionali e imprenditori.

Condividi su:
NEWS eventi
“Se cambia l’economia reale, deve cambiare anche la finanza”: la pensa così Anna Gervasoni, Professore
NEWS eventi
Glocalnews è un appuntamento di riferimento per giornalisti e comunicatori, quattro giorni dedicati al giornalismo
NEWS eventi
Una mobilità più “ecologica” e sostenibile è una delle grandi sfide del nostro tempo, come evidenziato dalla
NEWS eventi
Giovedì 21 ottobre 2021, dalle 14.00 alle 16.00   Quali sono oggi i rischi e i pericoli da evitare e le soluzioni
NEWS eventi
A partire dal 20 ottobre 2021   La LIUC apre le porte del suo laboratorio i-FAB, la fabbrica modello Lean e
NEWS ricerca
Di recente, la crescente consapevolezza del ruolo delle imprese ne ha aumentato la responsabilità verso la società in
NEWS ricerca
Cresce l’internazionalizzazione della comunità LIUC nell’ambito della Ricerca e del Dottorato con legami
NEWS ricerca
La rapida reazione delle aziende al Covid-19 è stata fondamentale per rispondere ai nuovi bisogni sociali che sono
NEWS ricerca
Da marzo 2020 il lavoro virtuale è diventato la norma per la maggior parte delle organizzazioni. Tuttavia sappiamo