English
MyLiuc
CHI SIAMO

Come si gestisce il rinnovamento?
Commentando le modalità con cui si stava affrontando la peste, Manzoni scriveva: “Il buon senso c’era, ma se ne stava nascosto per paura del senso comune”.
E’ necessario tirare diritto, innovando, investendo, puntando ai fatti.  Con tanto buon senso, sfidando il senso comune.

Un’Università come la LIUC, “delle imprese per le imprese”, è l’ambito elettivo della “cultura di sviluppo”. Lo è per la genesi del progetto stesso, per la storia che ha alle spalle, per il sistema di relazioni in cui è immersa, per i  valori imprenditoriali di cui è permeata.

Del resto, come diceva Kierkegaard: “La vita può essere capita solo all’indietro, ma va vissuta in avanti”. Dunque, nei fatti, sono proprio le tappe ancora da percorrere, nella strada dell’ateneo, quelle che contano.

Per l’Università Cattaneo – LIUC perseguire il bene dell’istituzione  vuol dire aggregare i molteplici interessi dei diversi stakeholders intorno ad un nucleo centrale, costituito dai “bisogni degli studenti” e dalla “valorizzazione dei collaboratori”, nelle loro diverse componenti.

Significa formulare una visione di sviluppo, che, come osserva Richard Normann, autore di “Management of growth”, rappresenta “un’idea intuitiva di possibili stati futuri del sistema, a volte altamente deviante rispetto alla situazione in essere”.

Significa anche pensare in grande, essere ambiziosi, cambiare paradigma. George Bernard Shaw scriveva: “Alcuni vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno cose non ancora esistite e chiedo: perché no?”.

Significa lavorare soprattutto a partire da 5 fronti di attività di quello che amo chiamare il “cantiere” LIUC: l’offerta formativa con una didattica sempre attenta alla dimensione esperienziale e un costante ampliamento dei corsi in lingua inglese, la ricerca (con grande attenzione all’equilibrio tra rigore di metodo, potenziali ricadute sull’attività didattica, spazi di diffusione dei risultati in logica di terza missione),  la LIUC Business School e le relazioni istituzionali con i numerosi stakeholder dell’ateneo grazie anche al rapporto con la comunità degli Alumni.

Abbiamo una responsabilità nei confronti dei  giovani e delle loro famiglie, così come verso l’intera società civile.

Non si può guardare indietro e non si può stare solo alla finestra.

 

Il Rettore
Federico Visconti

© UNIVERSITA' CARLO CATTANEO - LIUC | C.SO MATTEOTTI, 22 - 21053 CASTELLANZA (VA) CODICE FISCALE E PARTITA IVA 02015300128
CREDITS